MANGIARE FUORI CASA FACILITA SCELTE ALIMENTARI NON CORRETTE?

FALSO. Contrariamente a quanto si potrebbe pensare, nelle regioni italiane dove è più diffusa l’abitudine di pranzare fuori casa, una percentuale più elevata di persone raggiunge l’obiettivo quotidiano previsto nella nuova Piramide Alimentare, tra cui:

-        5 o più porzioni di ortaggi, frutta e verdura ogni giorno;

-        2-3 porzioni di grassi come olio di oliva ed olio di semi;

-        4-5 porzioni di carboidrati complessi come pane, pasta, riso, cereali, patate.

Mangiare fuori casa: Finger food, Aperitivi, Ristoranti

Con Pizzuta, propongo prodotti e cibi equilibrati e di qualità, i quali, sia mangiati con le mani (Finger Food ed Aperitivi), o con un coltello e una forchetta (Ristoranti), sono pensati in base ai principi di una sana ed equilibrata alimentazione, e pertanto, chiara espressione di un gusto equilibrato. E’ un’offerta gastronomico-alimentare che può essere servita in qualsiasi formula ristorativa, dal bar di provincia, all’american bar di centro città, al ristorante top, alla terrazza mare di un chiosco, ma sempre nel rispetto delle norme igienico sanitarie, e deve essere presentato con uno stile “appetibile”: deve cioè far venir voglia di mangiarlo.

La cultura gastronomica in ITALIA, in SICILIA in particolare, è legata alle cucine territoriali, prevede una serie di piccole cose da mangiare in un boccone, dove il commensale, l’avventore, può cogliere delle emozioni gastronomiche. E’ opportuno che ciascun cibo, Finger Food o da tavola, garantisca, una volta prelevato dal vassoio e piatto, l’opportunità di diventare un boccone per i cinque sensi.

English